Aleksandra Mir

Ispirazioni celesti

By Alessandra Borghese
Corriere della Sera, Milan, May 2010

Il Sogno e la Promessa
16 March - 15 April 2010
Magazzino d’Arte Moderna, Rome

A due passi dal famoso incrocio dei Quattro canti a Palermo, al numero 293 di Corso Vittorio Emanuele, è situato Pantaleone, storico negozio di articoli religiosi, arredi sacrie paramenti. È forse il piú grande negozio italiano in questo settore. Questo luogo è stato fonte d'inspirazione artistica per Aleksandra Mir, artista di origine polacca (www.aleksandramir.info) che ha vissuto prima in Svezia e a New York, per poi approdare a Palermo. La Mir è stata attratta dalla cultura popolare degli oggetti religiosi espositi da Pantaleone, che secondo lei raccontano in maniera inequivocabile le tradizioni del nostro Paese e della nostra fede. Il negozio e il suo magazzino sono stati usati dall'artista come una vera e propria libreria visiva di una fede popolare ancora vivissima. Da tutto ciò è nata la sua recente mostra romana Il Sogno e la Promessa collage realizzati su vecchie stampe religiose di Pantaleone, dove le figure sacre si encontrano con oggetti spaziali. Perché lassú nei cielo esiste per la Mir una liturgia speciale e comune fatta di simboli universali.

*

The Quattro Canti crossroad at Corso Vittorio Emanuele in Palermo is the location for Pantaleone, a historical shop of religious items, furniture and clothing. It is perhaps the biggest Italian shop of this kind. This place was a source of inspiration for Aleksandra Mir, an artist of Polish origins who grew up in Sweden and lived in New York before moving to Palermo. Mir is fascinated by popular culture. According to her, the objects exhibited at Pantaleone's provide an account of the tradition and the faith in our country. The shop and its storage has been used by the artist as a visual library documenting a vivid religious sentiment. This generated the body of work presented in her recent exhibition in Rome, 'Il Sogno e la Promessa', a series of collages made on old religious prints from Pantaleone where sacred figures meet objects from outer space. In Mir's view, up in the sky there is a particular liturgy made of common universal symbols.